· 

CHI ERA IL DETECTIVE X, IL GENIO DIMENTICATO DELLA SCIENZA FORENSE

 

Nel 2014, Kristen Frederick-Frost, allora curatrice per il museo del National Institute of Standards and Technology (NIST), ha rinvenuto una scatola dal contenuto molto interessante mentre stava setacciava gli archivi dell'agenzia situati nel seminterrato della struttura a Gaithersburg, Maryland, per scovare reperti relativi a Wilmer Souder. Souder era un impiegato dell'agenzia, allora nota come National Bureau of Standards, che aiutò a stabilire il primo laboratorio forense dell'FBI diversi decenni fa. Frederick-Frost aveva sentito parlare di Souder perché veniva menzionato qualche volta nella storia del NIST, ma non si aspettava di riuscire a trovare molto al suo riguardo.

 

Invece, dentro la scatola, Frederick-Frost ha scoperto nove taccuini pieni di note meticolose riguardanti alcuni dei crimini più efferati dell'epoca. Questo ha permesso di capire che Souder era molto avanti rispetto alla sua epoca, una persona il cui contributo alla disciplina scientifica forense è stato sottostimato, perché la sua eredità è andata perduta. Inoltre, il suo lavoro riscoperto di recente può aiutare gli scienziati forensi ad affrontare le sfide che interessano oggi il loro campo di studi.

John Butler, assistente speciale del direttore del reparto forense presso il NIST ed esperto in analisi forensi basate sul DNA, ha collaborato con Frederick-Frost per aiutarla a riscoprire l'eredità di Souder. "Souder non ha trovato il suo posto nella storia. Vogliamo che la conoscenza da lui acquisita venga attribuita alla sua fonte corretta" ha spiegato. "Se comprendiamo meglio il passato, possiamo evitare che certi errori si ripetano, e agire meglio in futuro." 

Souder era nato nel 1884 e cresciuto in Indiana. Ha vissuto lì per un po' di tempo, allontanandosene probabilmente per bisogno, ha raccontato Butler a Motherboard. Sua sorella e il cognato hanno preso possesso della fattoria lasciandolo senza mezzi per mantenersi. Ha conseguito la laurea in fisica presso la University of Indiana a Bloomington, dopodiché ha iniziato a lavorare per il National Bureau of Standards — oggi noto come NIST — una piccola agenzia federale che si occupava di scienza responsabile delle comunicazioni tra le altre agenzie governative, l'industria privata e le istituzioni accademiche. L'ufficio aveva lo scopo di curare la standardizzazione, compiti come decidere le dimensioni dei binari ferroviari o assicurare un metodo universale per connettere le manichette antincendio agli idranti. Dopo due anni, si è messo a studiare per il suo dottorato in fisica presso la University of Chicago. Una volta ottenuto il PhD nel 1916, è tornato a lavorare per il National Bureau of Standards.

Nei 38 anni successivi, Souder ha gettato le basi dei metodi di analisi forense che oggi costituiscono una loro sotto branca in questa disciplina. Ha studiato la balistica e lavorato con il Treasury Department per calcolare i metodi di riciclaggio adottati dai gangster — incluso, forse, Al Capone, ha raccontato Butler, anche se non ha trovato prove per sostenere questa ipotesi. Veniva anche consultato dall'FBI per aiutare il laboratorio di criminologia dell'agenzia nel 1932. La sua agenzia è stata anche coinvolta nel Manhattan Project, la missione top-secret per creare la bomba atomica. Souder ha anche analizzato delle note scritte a mano correlate a uno dei crimini più sconvolgenti dell'epoca —il rapimento del piccolo Lindbergh, figlio del celebre aviatore Charles Lindbergh. Souder ha anche testimoniato contro Bruno Richard Hauptmann, che è stato condannato a morte nel 1936.

Come se non bastasse, Souder ha lavorato su 838 casi stimati per 80 agenzie governative. La sua eredità non è nota — sappiamo dei suoi risultati solo grazie alle note accurate che ha redatto. Non è un caso che Souder sia sconosciuto ai più — era una persona estremamente riservata, secondo la sua nipote, Kathy Leser che ha raccontato a Butler come Souder non parlasse molto del suo lavoro, anche perché non voleva mettere in pericolo la sua famiglia.

All'interno di documenti successivi che raccontano il coinvolgimento di Souder nel caso Lindbergh, ci si riferisce a lui come al "Detective X" — Butler ha raccolto informazioni relative al suo coinvolgimento in merito dai rapporti di polizia associati al caso. Souder faceva riferimento al caso Lindbergh nelle sue note come al "caso Adamson," presumibilmente per sviare eventuali curiosi.

Evitare di parlare del suo lavoro probabilmente avrà lasciato Souder con poco altro da dire, dato che aveva tutta l'aria di essere un workaholic, ha spiegato Butler. Era meticoloso, un lupo solitario e forse anche un po' paranoico. "È una persona che presta attenzione ai dettagli. Lo si può capire dai suoi taccuini — era capace di una concentrazione incredibile," ha aggiunto Butler. "E questo è importante, specialmente nell'ambito forense".

Oggi, la scienza forense sembra diversa rispetto all'epoca di Souder, almeno in parte a causa dei progressi nell'analisi del DNA. Ma la meticolosità e l'attenzione ai dettagli sono ancora essenziali. Infatti, questi sono i valori che alcuni scienziati forensi cercano di rivalutare, spiega Betty Layne DesPortes, avvocato di difesa penale e presidente dell'American Academy of Forensic Sciences. Non aveva sentito parlare di Souder finché Motherboard non l'ha contattata in seguito all'articolo del NIST, ma è rimasta impressionata dall'ampiezza, dalla portata e dalla preveggenza del suo lavoro.

"La scienza forense è molto conosciuta ma non ancora compresa appieno," ha spiegato la DesPortes. Dopo un picco di interesse negli anni Novanta — attribuibile in parte alla popolarità di show come CSI — il campo ha perso la connessione con l'indagine scientifica, ha continuato. Perdere il contatto con il metodo scientifico, ha affermato la DesPortes, ha inibito la capacità degli scienziati di ottenere risultati affidabili e precisi. Nel 2009, una relazione della National Academy of Sciences ha rilevato "gravi carenze" nella scienza forense, dovute per lo più alla mancanza di standard condivisi e di una corretta supervisione, richiedendo una revisione della disciplina di ampio respiro.

Nei documenti di Souder sono presenti richieste di apparecchiature di laboratorio standardizzate e un insieme di qualifiche universali per gli esperti, temi di cui esperti come DesPortes disquisiscono ancora oggi. E questo non è tutto: le note metodologiche di Souder hanno fatto di più che documentare il suo lavoro per i posteri, contengono anche la dimostrazione di come è arrivato alle sue conclusioni. La spiegazione della metodologia forense è una sfida continua per gli scienziati forensi, che spesso lottano perché i loro metodi vengano trasferiti agli studenti senza che questi si affidino eccessivamente a giudizi personali.

"Le questioni affrontate e sottolineate da Souder erano quelle della standardizzazione, della formazione e dell'elaborazione di un metodo corretto. Queste sono le aree su cui intendiamo lavorare ora," ha detto DesPortes. "Era un uomo avanti rispetto alla sua epoca."

Anche l'umiltà di Souder è una caratteristica che gli scienziati forensi dovrebbero prendere a cuore, ha sottolineato Desportes. "Per Souder la cosa principale era il lavoro, non la sua personalità. Non ha cercato di farsi pubblicità per attirare l'attenzione su se stesso, si occupava solo di analisi scientifiche e ricerca delle prove. Penso che sia una lezione importante anche per la scienza forense," ha aggiunto. Gli show come CSI sono più focalizzati sulle personalità, ha spiegato, "e così sembrano avere influenzato anche i nostri casi più pubblicizzati: nel mondo reale, ovviamente, ci sono scienziati forensi molto noti, ma di fatto la maggiore parte del lavoro viene svolta da scienziati forensi di cui potenzialmente la gente non verrà mai a conoscere il nome."

 

Souder è morto nel 1974. Secondo Butler, se fosse vivo sarebbe molto sorpreso dagli sforzi degli storici di ricostruire la sua vicenda. Probabilmente, sarebbe meravigliato dalla precisione resa possibile dall'analisi del DNA oggi, ha aggiunto Butler, a cui piacerebbe molto poter parlare con Souder. "Spero che apprezzerebbe i nostri sforzi per tramandare la sua memoria, così da favorire il progresso dell'intera disciplina," ha concluso Butler.

Scrivi commento

Commenti: 0